Sciopero della fame e della sete di Marco Pannella

Invito tutti a sostenere l’iniziativa di Marco Pannella a cui, domani, mi associo.

Marco Gentili

 

Queste le motivazioni: 15 maggio 2009 – Lettera di Marco Pannella al Presidente della Repubblica

Signor Presidente,

l’82% degli italiani ignora, esclude, l’avvenuta presentazione e la presenza – quindi – della Lista “Emma Bonino – Marco Pannella” alle elezioni per il Parlamento Europeo dei 72 deputati di quota italiana. La macchina schiaccia-democrazia di un ormai sessantennale Regime partitocratico opera, more solito, con l’obiettivo di impedire al Partito Radicale di essere presente, dopo trent’anni ininterrotti dalle prime elezioni dirette, anche in quella istituzione.

Nulla di veramente nuovo: nella scorsa legislatura, per ottenere un risultato del genere nel Senato della Repubblica, e così meglio assassinare la legislatura, otto Senatori regolarmente eletti furono sostituiti con altri proclamati Senatori, nominati ancorché bocciati dagli elettori.

Nella presente legislatura, come Lei ben sa, la partitocrazia ha operato in modo tale da impedire all’attuale Parlamento dei nominati l’esercizio delle sue proprie funzioni costituzionalmente rilevanti di Indirizzo e di Controllo; e poter così del tutto sopprimere perfino il diritto tradizionale alle Tribune politiche e agli “accessi” dei soggetti politici e sociali. Finora questo era diritto democratico di tutti i cittadini italiani e non mero privilegio corporativo di settori e organismi di Regime, volto al compimento di quanto previsto, tra l’altro, dall’art. 49 della Costituzione.

Allo stesso scopo va iscritto anche il risultato ormai acquisito di assicurarsi l’ignoranza, da parte dell’opinione pubblica e delle Autorità “Garanti”, dell’intera produzione e dell’informazione audiovisiva, con il soffocamento e l’eliminazione del Centro di Ascolto radicale, unico vero “servizio pubblico” del settore.

Inoltre, da ora al momento del voto, il programma che dovrebbe garantire in condizioni di “par condicio” le Tribune e i servizi elettorali, è invece architettato in modo tale da assicurare il predominio assoluto di talk-show e telegiornali: vero e proprio monopolio politico incontrollabile e incontrollato di Raiset e del regime partitocratico dominante.

È questa, e non altra, la realtà politica italiana quale ci appare: antidemocratica e opposta a un qualsiasi Stato di Diritto. Non meno, anche se diversamente, che a Tripoli, a Mosca, a Pechino, sempre più capitali di riferimento di questo nostro Paese.

A male estremo, Signor Presidente, rimedio estremo (se esiste).

Da questa sera inizierò lo sciopero assoluto della fame e della sete, nel quadro del Satyagraha radicale per la Libertà, la Giustizia, la Pace, con la forza e l’amore della verità.

Marco Pannella

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CAPTCHA *